Sharepeople: Federica sailor curiosa e maestra di ricette

Sharepeople: Federica sailor curiosa e maestra di ricette

Federica ha 30 anni, un lavoro da consulente aziendale a Milano, e un foodblog che ben rappresenta l’amore per le contaminazioni insolite di questa giovane sailor. Da sempre amante del mare, grazie a un post di un amico su Facebook scopre Sailsquare, il primo marketplace italiano che mette in contatto le persone per organizzare viaggi in barca. “Quello che mi è piaciuto subito”, racconta, “è la possibilità di poter incontrare persone con cui condividere le stesse passioni. Quando ti affidi a un’agenzia tradizionale, non sai mai con chi partirai e chi incontrerai sulla barca. Su Sailsquare, invece, leggendo le pagine del profilo di ogni partecipante puoi scoprire età, provenienza, interessi e livello di esperienza in barca dei partecipanti e scoprire anche se hai amici in comune”. Così a Natale dell’anno scorso, Federica decide di partire per la sua prima esperienza.

“Capodanno in Costa Azzurra a 180€. ‘Perchè no? MI sono detta. La cifra mi sembrava molto ragionevole e l’idea di brindare al nuovo anno in barca mi stuzzicava molto”. 

Federica si iscrive e viene subito contattata dal crew leader che le propone di incontrarsi a Milano con gli altri membri dell’equipaggio per conoscerci prima della partenza e organizzare cambusa e trasferimenti. “Siamo subito andati d’accordo e il feeling è continuato anche in barca. Risultato: un Capodanno low cost molto divertente e 6 nuovi amici che continuo a rivedere. Non così fortunata, invece, la vacanza organizzata a Pasqua “E’ andata un po’ meno bene, ma soprattutto a causa del tempo – temporali e freddo – e della barca, che ha avuto qualche inconveniente tecnico perché aveva bisogno di un po’ di manutenzione in più”. Ma ci riproverà ne è sicura “Quando inizi” dice “è difficile smettere”. E intanto pensa già a nuove sfide “Vorrei sperimentare una cena con qualche sito di social dining, magari, chissà, mi reinvento come chef e mi imbarco in una nuova avventura…”

I ragazzi stanno bene. La generazione Y desidera lavori impegnati che risolvano i problemi della società
Il lato oscuro della sharing economy. Airbnb può accelerare la gentrificazione* delle città?